FANDOM


Basta cosi
Basta
Info capitolo
Volume: 16
Capitolo: 172
Titolo Giapponese: 十分
Titolo Romaji: Jūbun
Titolo Italiano: Basta cosi
Pagine:
Data di uscita: 17 Maggio 2018
Cronologia capitoli
Precedente Successivo

"Basta cosi" è il capitolo 172 di TG:Re

Personaggi Modifica

  • Nico
  • Koutarou Amon
  • Donato Porpora
  • Touka Kirishima
  • Saiko Yonebayashi
  • Kichimura Washuu
  • Ken Kaneki

Sommario Modifica

Nico osserva mentre la testa di Donato Porpora cade a terra, infliggendo un colpo fatale a Koutarou Amon. In grado di parlare nonostante il suo stato decapitato, Donato afferma di vedersi sempre inadeguato e, per compensare, ha abbracciato la sua natura demenziale e ha gradito lo spargimento di sangue che ha inflitto ai bambini dell'orfanotrofio che un tempo possedeva, affermando che era altrettanto malvagio quanto Amon credeva che lo fosse. Segue che, nonostante l'emergere di Dragon a Tokyo e tutto il caos che sta portando, non gliene potrebbe importare di meno, poiché sa che l'umanità è ambiziosa e testarda abbastanza da continuare a vivere indipendentemente.

Amon risponde guardando indietro ai giorni più felici trascorsi con Donato, menzionando le ciambelle che una volta preparava per loro come snack, le coperte che portava nelle notti fredde e la tomba che aveva fatto quando un cane che avevano adottato moriva. Divertito, Donato gli chiede se Amon è davvero nostalgico per quei giorni, sapendo quello che fa ora; Amon afferma che lo è davvero. Prosegue affermando che, nonostante tutto, era ancora un orfano che Donato aveva cresciuto come suo, e che il tempo trascorso insieme era ancora caro a lui. Allo stesso tempo, riconoscendolo come un killer senza rimorso, gli chiede, con le lacrime che gli colano sul viso, se ha davvero torto di amare suo padre. Donato, in risposta a questo, è momentaneamente scioccato. Poi, però, inizia a ridere, mentre le lacrime scendono sul suo viso. In seguito Porpora crepa.


Nel frattempo, Touka Kirishima veglia sul Saiko Yonebayashi, ancora in ospedale, che borbotta "maman" tra sé mentre il CCG insegue il "Gufo tassidermizzato" che i Clown avevano creato.

Altrove, Ken Kaneki e Kichimura Washuu stanno uno di fronte all'altro vicino a uno degli ovidotti di Dragon. Kichimura accondiscende a Kaneki, affermando che non era altro che un sacrificio per Dragon, e si chiede visibilmente perché sia ​​venuto qui; probabilmente per fermare Dragon, crede. Tuttavia, le sue riflessioni sono interrotte mentre Kaneki colpisce con il suo kagune, ora molto più massiccio di prima, facendo cadere la maschera antigas di Kichimura dalla sua faccia. Colto alla sprovvista, Kichimura inizia immediatamente a fuggire, chiedendo perché Kaneki non sta chiedendo nulla sui suoi piani o sulle sue motivazioni; Kaneki si limita a dire che non gli importa e lo insegue. Tutti i piani e gli ordini del giorno di Kichimura passano attraverso il suo cervello mentre monologa mentalmente, fino a quando non viene messo alle strette da Kaneki.

Tuttavia, all'improvviso colpisce con un kagune veramente massiccio dall'oscurità, mandando Kaneki a volare indietro e facendo cadere anche la sua maschera antigas. Ora molto più fiducioso di prima, Kichimura si fa beffe di Kaneki, definendolo un teppistello idiota che cerca di essere un eroe, e continua dicendo che non avrebbe mai perso con gente come lui. Lui sorride e dice a Kaneki che in realtà è piuttosto forte.

In risposta, Kaneki si alza in piedi e rompe il dito.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.