TokyoGhoul Wiki
Advertisement
TokyoGhoul Wiki

La Madre di Ken Kaneki era una madre single che ha cresciuto il figlio da sola ed è morta per l'eccessivo carico di lavoro quando Kaneki aveva 10 anni.[1]

Aspetto fisico[]

Era una donna esile, con i capelli neri corti, e portava gli occhiali.

Personalità[]

Era una donna intelligente e sempre gentile con tutti. Era convinta che una persona gentile potesse trovare la felicità semplicemente volendo bene agli altri, diventando la persona che viene ferita invece di quella che ferisce. Non si tirava mai indietro se qualcuno aveva bisogno di aiuto ed era gentile con tutti. Kaneki era fiero di lei.[2][1]

Comunque, l'illusione di Rize nella mente di Kaneki descrive la sua gentilezza come una debolezza, dicendo che era piuttosto "sciocca", non sapendo scegliere tra una cosa e l'altra e finendo, di conseguenza, per morire di stenti per il troppo lavoro pur di non rimanere da sola. Dopo la morte della madre, Kaneki cerca sempre di seguire i suoi insegnamenti, fino al momento della tortura di Yamori, quando abbandona i suoi ideali.

Nonostante la gentilezza e la generosità, in Tokyo Ghoul:re si scopre che a volte maltrattava il figlio picchiandolo. La descrizione di Kaneki della madre sembra essere quindi in qualche modo distorta. Quando Kaneki recupera la memoria, ricorda che la madre lo maltrattava sia fisicamente che psicologicamente, picchiando il figlio e mettendo i bisogni degli altri prima di quelli di Kaneki e della sua stessa salute fisica e mentale.

Storia[]

Arco Aogiri[]

La madre di Kaneki appare più volte quando Kaneki parla con l'illusione di Rize. Per mantenere la famiglia, aveva due lavori e lavorava da casa anche nel tempo libero. Questo tuttavia la indebolì notevolmente. Non riusciva a trovare la giusta via di mezzo, pensando fosse meglio essere feriti che ferire. Per esempio, la sorella maggiore a un certo punto si mise a chiederle dei soldi perché il marito aveva perso il lavoro e lei non fu in grado di rifiutare. Per questo doveva lavorare più di quanto potesse sopportare. Kaneki si ritrovò da solo sempre più spesso e per questo trovava compagnia nei libri di suo padre. Dopo la morte della madre, Kaneki si comportò sempre come lei gli aveva insegnato.

Dopo che l'illusione di Rize sottolinea che sua madre non era gentile, era solo debole per non saper scegliere tra il figlio e la sorella, Kaneki ha una crisi di nervi e si arrabbia con la madre, che non è riuscita a vivere per suo figlio. Accettando il suo lato ghoul, Kaneki smette di seguire l'ideologia della madre.[1]

Operazione di Sterminio della Famiglia Tsukiyama[]

Kaneki viene picchiato dalla madre

Durante un altro viaggio nella sua mente contorta, Sasaki si ricorda di essere stato spesso picchiato dalla madre quando era piccolo. Si ricorda di aver chiesto ripetutamente scusa per aver osato chiedere qualcosa alla madre.[3]

Relazioni[]

Ken Kaneki[]

Ha cresciuto il figlio con affetto come madre single dopo la morte del marito. Anche se per molto tempo Kaneki si è convinto che la loro relazione fosse idilliaca, dopo aver recuperato la memoria, si ricorda che talvolta lei lo picchiava e che ha represso il risentimento che cova nei confronti della madre.

Zia di Ken Kaneki[]

Sua sorella maggiore l'ha sempre perseguitata per soldi e fatto scuse sul motivo per cui lei era nel bisogno. La madre di Kaneki ha sostenuto finanziariamente sua sorella, ma lo stress ha contribuito alla sua morte. Nonostante gli sforzi della madre di Kaneki, sua sorella la pensava male.



Curiosità[]

  • Era un'ottima cuoca e il piatto preferito di Kaneki da piccolo erano gli hamburger che lei gli preparava.
  • È dalla madre che Kaneki eredita inconsciamente l'abitudine di strofinarsi il mento quando sta nascondendo qualcosa.
  • È stata la madre a insegnare a Kaneki come leggere i kanji difficili, esattamente come Kaneki insegnava a Hinami.

Note[]

Advertisement